Disponibilità

  • Camera doppia con bagno privato

    + more info
    Max:

    Camera doppia con bagno privato.

  • Camera doppia standard

    + more info
    Max:

    Camera doppia standard.

  • Camera doppia superior

    + more info
    Max:

    Camera doppia superior.

  • Camera Quadrupla Standard

    + more info
    Max:

    Camera quadrupla standard.

  • Camera Quadrupla Superior

    + more info
    Max:

    Camera quadrupla superior.

  • Camera singola standard

    Colazione inclusa. Non rimborsabile/Breakfast included. Non refundable.

    + more info
    Max:

    Camera singola standard.

  • Camera tripla

    + more info
    Max:

    Camera tripla standard.

  • Camera Tripla Superior

    Colazione inclusa. Non rimborsabile.

    + more info
    Max:

    Camera super-elegante e dal design personalizzato dotata di TV satellitare, mini bar e il servizio in camera 24 ore.

  • Deluxe Suite

    + more info
    Max:

    Deluxe Suite.

  • Master Suite

    + more info
    Max:

    Room facilities:Aria condizionata, Asciugacapelli, Bagno privato, Canali a pagamento, Colazione in camera, Cucina in comune, Lavatrice, Minibar, Scrivania, Servizio in camera, Sveglia, Tavolo da stiro, Telefono, TV, WiFi

    Master Suite

In Generale

Sito sulla verde collina di Acitrezza, di fronte alla bellissima isola Lachea e ai mitici faraglioni che si stagliano fra mare e cielo, l’Hotel Eden Riviera dista circa 10 km dalla commerciale città di Catania e dall’aeroporto, 5 km dalla stazione di Acireale, 30 km dagli impianti sciistici dell’Etna e 35 km da Taormina.

Le 31 camere, di cui molte con vista mare, sono tutte dotate di aria condizionata, TV, telefono e servizi privati. Nel retrostante giradino è ubicata la piscina e il parcheggio.

Inoltre, l’albergo è dotato di un ottimo ristorante che nel periodo estivo si sposta sull’ampia terrazza prospiciente al mare.

Tra gli alberghi di Acitrezza l’ Hotel Eden Riviera concede il privilegio di dominare, grazie alla sua bella terrazza, l’area marina protetta “Isole Ciclopi“.

Le isole, chiamate anche Faraglioni, si ergono maestose ed imponenti tra mare e cielo a poche centinaia di metri dalla costa e sono raggiungibili sulle piccole imbarcazioni dei pescatori.

Un’ antica leggenda, narrata da Omero e da Virgilio, racconta che Polifemo, irato verso Ulisse che lo aveva reso cieco, scagliò contro la sua nave dei giganteschi macigni dalla sommità del vulcano Etna dando così origine ad un’isola oggi chiamata “Lachea” e a tre “Faraglioni“.

Passeggiando per i vicoli di Acitrezza ammirerete la Chiesa madre di San Giovanni Battista, a cui e il 24 giungo è dedicata la tradizionale festa che comprende il rito propiziatorio “U pisci a mari“. Alla fine di luglio lasciatevi inebriare dai sapori della sagra del pesce del Padellone, resterete rapiti da un momento singolare e divertente. Ad 1 km da Acitrezza si trova Aci Castello dove è possibile visitare un antico castello normanno costruito su un promontorio lavico a picco sul mare.

Il castello oggi è sede di un interessante museo.
Solo 35 minuti d’auto vi separano dalle zone circostanti al vulcano attivo più alto d’Europa. All’ interno del Parco dell’ Etna si alternano diversi tipi di paesaggi: estesi vigneti, folti boschi di faggi secolari, atmosfere lunari sui crateri delle cime. Un luogo avvolto dai racconti della mitologia greca e attraversato dalla sotterranea attività del vulcano, sede di rinomati impianti sciistici che danno la possibilità di scendere lungo le sue piste osservando il mare.

Pochi chilometri sulla costa in direzione di Messina e giungerete a Taormina, luogo romantico e seducente, una meta turistica capace di esprimere in eguale misura cultura e natura. Il Teatro greco, sede di importanti manifestazioni artistiche, il Duomo di San Nicola e la gotica Chiesa di Sant’Agostino si fondono, insieme alla vitalità di corso Umberto I, all’ incantevole panorama sul mare. Non dimenticatevi di frequentare le rinomate pasticcerie del centro, aggiungerete un sapore in più al vostro soggiorno.

Tornando verso Acitrezza, risalite i promontori lavici della Timpa e fate una visita presso il centro termale di Acireale, piccola cittadina barocca.

Infine, dedicate una mattina a Catania e lasciatevi coinvolgere dallo splendore barocco del Duomo e dei palazzi del centro storico. A Siracusa, una meta affascinante e ricca di interessanti monumenti, verrete invece conquistati dal Teatro greco, l’ Anfiteatro romano e la sorprendente grotta artificiale detta l’ Orecchio di Dionigi.

info@hoteledenriviera.com

Orario di Arrivo

Flessibile

Orario di Partenza

11:00
American Express, Visa, Euro/Mastercard, Diners Club. Animali ammessi.Condizioni relative alla cancellazione e al pagamento anticipato variano a seconda della tipologia di alloggio.11:00

Servizi

  • Aria condizionata
  • Asciugacapelli
  • Bagno privato
  • Bar
  • Lavatrice
  • Minibar
  • Parcheggio privato
  • Piscina all'aperto
  • Ristorante
  • Sala attesa
  • Servizio navetta aeroporto
  • Sveglia
  • Telefono
  • TV
  • WiFi
Shopping, Posti da ammirare, Tour organizzatiWiFi libero, disponibile in tutta la struttura. Parcheggio gratuito.

Spiacente, per il momento non ho disponibilità di recensioni per questo alloggio.

Catania, la città dell'elefante

Catania, la città dell

Abitanti circa 380.000, altezza sul livello del mare mt. 7, CAP 95100, pref. telefonico 095, capoluogo di provincia a 209 Km da Palermo e a 50 km da Taormina.
 Aereoporto di Fontanarossa, tel. 095-3440710
* Servizio traghetti auto per Reggio Calabria e Napoli
Città barocca, disposta alle pendici dell’Etna sul mar Ionio, centro industriale, portuale, commerciale e universitario.
Da vedere nei dintorni: Playa Lido (a 3 km), centro balneare con spiaggia; Etna (a 35 km), vulcano attivo creatosi per estrusione dalle acque marine. Oggi ha raggiunto un’altezza di 3550 mt s/m. Servizio di funivie per gli sciatori.

Città fondata dai Calcidesi nel 729 a.C.. Per la sua posizione favorevole agli scambi commerciali e il suo entroterra molto fertile, acquisì un’importanza tale da attrarre poeti, letterati e mecenati. Il porto naturale fu poi sommerso dalla lava.
Nel XV secolo è una delle prime città del territorio italico ad essere dotata di Università.
Nel XVII secolo, in epoca spagnola, attraversa un periodo di decadenza. Per ben due volte (1669 e 1693) fu devastata da calamità naturali. Il piano di ricostruzione fu affidato all’architetto Vaccarini che la dotò di edifici di magnifica fattura.
A Catania ebbe i natali il musicista Vincenzo Bellini.
ITINERARI MONUMENTALI – Da visitare il Teatro greco, rifatto in epoca romana, in pieno centro (piazza Stesicoro), con vicini i resti del Foro romano e le Terme.
Molto ben conservato si presenta il Castello Ursino, edificato da Federico II, oggi sede del Museo Civico (tel. 095-7150535).
Il Duomo di S. Agata, edificato nel 1093 e più volte ricostruito. L’arch. Vaccarini, nel 1730, condusse i lavori per la sistemazione degli elementi originali: il transetto e gli absidi. L’interno ospita monumenti di personaggi famosi, fra i quali V. Bellini.
Il principale parco cittadino è Villa Bellini in piazza Roma, vicino è situato l’Orto Botanico.

[pw_map address="Piazza Duomo, Catania" key="AIzaSyBYOZQROQk-PFyLLQI9CPAqQbTwM7x9zC8"]

Sports & Natura

Sports & NaturaUna possibile tappa si potrebbe percorrere a piedi, indossando delle buone scarpe da trekking o, per i più audaci, in mountain bike, seguendo un percorso avventuroso all'interno dell’antico bosco di castagne di Tarderia, sull'Etna. Qui, grazie all'aiuto di Polifemo, troverete le colate del 1750 e del 1792 e ricostruiremo la storia geologica e naturalistica del vulcano più attivo d'Europa.
Da qui a Monte Pomiciaro il passo è breve e ammireremo il magnifico spettaolo della Valle del Bove, un belvedere naturale che parla della storia, della forza attrattiva e del potere devastante di questo magnifico vulcano.
Secondo percorso: sempre confidando sui nostri fidi piedi o le nostre grosse ruote dentate o, per i più stanchi, su comode jeep, si andrà verso le grotte di scorrimento lavico, in una zona detta “Grotta Cassone”, un antro affascinante e misterioso che solamente i Ciclopi in passato hanno avuto il privilegio di frequentare.. Partiamo sempre attrezzati: qui torce, elmetti e qualche corda, potrebbero essere necessari.
Terzo percorso: di corsa verso il Rifugio Sapienza (a quota 2000 m s.l.m.), dove l'ambiente si fa sempre più spettrale, quasi lunare, e il paesaggio verdeggiante si confonde con il nerofumo delle colate più recenti.
Qui osserviamo come la natura si è adattata alle manifestazioni prepotenti dell'Etna e, dopo aver attraversato i sabbioni lavici, potremmo puntare il nostro sguardo sulla varietà dei vegetali che si presentano in questo particolare habitat: fra Astracalus e Saponaria, arriviamo ai Crateri Silvestri, catena di vulcanelli formatasi nell'ormai lontano 1892: da qui l'affaccio sulla città di Catania e il relativo golfo è più che esemplare. Il percorso è di facile approccio e dura solo 40 minuti.
Quarto percorso: finalmente troviamo qualcosa da mettere in pancia: presso un'area attrezzata troviamo prodotti tipici siciliani, pronti da essere divorati (i compagni di Ulisse ne sanno qualcosa): si comincia con una varietà di formaggi accompagnati da pane casereccio, si continua con il salame aromatizzato, le olive, i pomodori secchi e le melenzane sott’olio. Tutto rigorosamente irrorato da vino rosso (bianco per chi lo preferisce) dell’Etna.

Vita notturna

Vita notturnaCatania è la città siciliana più votata alla vita notturna e allo svago: i posti dove trascorrere delle ore liete con gli amici sono innumerevoli e variano di sfondo. Si va dai luoghi di ritrovo più centrali, come la via Etnea, ideale per lo struscio, al Castello Ursino per mettere sotto i denti delle carni cucinate alla piastra sul momento (specialità: carne di cavallo), a via Plebiscito per un rifornimento più veloce, a via Santa Filomena per una pausa di riflessione gastronomica più lunga e memorabile presso i ristoranti alla moda, a via Penninello per i cocktail e i mercatini artistici, infine a via Montesano per un calice di vino buono da pasteggiare, con ottimi pianobar di sottofondo.
Per chi non dovesse essere ancora contento per queste scelte, basterà raggiungere via Di Sangiuliano, via Vasta e via Pacini con la scalinata Alessi.
Nelle notti estive, giovani e meno giovani si riuniscono appassionatamente in piazza Teatro Massimo, dove si fa musica, si canta e si balla fino al mattino.
Chi preferisce un ambiente più marinaresco e lo sciabordio delle onde del mare, dovrà fare un salto presso la zona costiera, dalla Playa alla Scogliera, e sostare presso i numerosi e divertenti lidi.

Cultura e storia

Cultura e storiaGli antichi Romani son passati veramente dappertutto: anche Catania può testimoniarlo. Nel centro storico possiamo trovare un bell'abbinamento: un Teatro Romano e un Odeon. Il teatro, in verità, fu costruito in epoca greca, poi restaurato tra il I e il II secolo d.C., accompagnato da un anfiteatro e alcune terme tutti rigorosamente in pietra lavica.
Per gli amanti del Medioevo, non si può perdere l'appuntamento con il Castello Ursino, fondato da Federico II di Svevia nel XIII secolo e oggi museo civico. Come se non bastasse, Catania, ricostruita dopo il disastroso terremoto del 1693, ha aggiunto anche una veste barocca ai suoi numerosi edifici. A consegnarle questo invidiabile aspetto è stato il progetto dell’architetto Vaccarini, un assetto pensato come una grande ragnatela con ampie vie rettilinee che puntano tutte sulla principale via Etnea, a sua volta percorsa da piazze e giardini. In una di queste piazze, troveremo il Duomo con la famosa Fontana dell’elefante.
Leggi tutto