Disponibilità

T.+393385676165
info@bbkore.it
  • Camera doppia con bagno privato

    + more info
    Max:

    Camera doppia con bagno privato.

  • Camera Quadrupla Standard

    + more info
    Max:

    Camera quadrupla standard.

  • Camera singola standard

    Colazione inclusa. Non rimborsabile/Breakfast included. Non refundable.

    + more info
    Max:

    Camera singola standard.

  • Camera tripla

    + more info
    Max:

    Camera tripla standard.

In Generale

Il B&B Kore nasce dall’idea e dalla passione di una giovane castellammarese, Chiara, che avendo fatto molta esperienza nel settore ricettivo, decide di creare un posto che sia unico, in cui non solo ospitare i turisti che visitano il nostro splendido territorio, ma farli sentire coccolati ed accolti in uno dei posti più incantevoli della Sicilia occidentale, Castellammare del Golfo.

Il nome Kore nasce dalla passione di Chiara per la cultura greca: Kore, – le korai, singolare kore (κόρη – ragazza, plur. κόραι) – infatti, vuol dire fanciulla ed era il nome che gli abitanti della Sicilia davano a Persefone, figlia di Zeus e di Demetra, e moglie di Ades, proprio da questa passione per la cultura greca e per la mitologia greca, e come poteva essere diversamente vivendo 365 giorni nella culla della Magna Grecia, dove ancora si respirano i fasti di un tempo glorioso e ricco di cultura e storia, come Selinunte, Segesta, la stessa Castellammare del Golfo e non solo, Chiara decide di battezzare ogni camera del B&B con il nome di una divinità greca, come Afrodite, Dioniso, Demetra, Elios, Ermes, Poseidone e Zeus.

Grazie ad un patrimonio di valore inestimabile, costituito dalla straordinaria bellezza naturalistica delle sue coste e del suo immediato entroterra e dai numerosi beni culturali, è un importante polo di attrazione turistica: i turisti infatti restano di giorno incantati dalla bellezza della sua natura e di notte, per chi ama i divertimenti, travolti da eventi e spettacoli che rapiscono fino alle prime luci dell’alba.
Castellammare del Golfo rappresenta al meglio l’ospitalità siciliana, in cui gli abitanti cercano di offrire ai propri ospiti il meglio per quanto riguarda relax, divertimento, buona cucina e cultura.
Ed oltre alle sue immense bellezze naturali, storico-monumentali, si trova in una posizione strategica sia per poter visitare l’intera provincia di Trapani, la quale è estremamente ricca di storia antica e di cultura, sia l’intera Sicilia, infatti Castellammare del Golfo si trova a circa mezz’ora da ogni località, come Trapani, Selinunte, Erice, Palermo, ma anche da ogni punto di snodo delle varie arterie autostradali che conducono sia da e verso l’aeroporto di Trapani, che quello di Palermo.

In aereo

Castellammare del Golfo dista circa 30 minuti , km 25 dall’aereoporto di Falcone-Borsellino di Palermo e da 45 minuti, km 40 dall’aereoporto Vincenzo Florio (Trapani-Birgi) di Trapani.

In auto

Prendere l’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo, da Palermo la distanza è di circa 60 km e poi entrare all’uscita per Castellammare del Golfo, proseguire per la SS 187 fino a raggiungere con la SS 113 la città. Da Trapani, invece, la distanza è di circa 45 minuti, si procede per la SS 113 per poi imboccare l’autostrada A29, direzione Palermo e proseguire per Castellammare del Golfo, per la SS 187 sino ad entrare a Castellammare.

In nave

Castellammare del Golfo è facilmente raggiungibile sia dal porto di Palermo che da quello di Trapani: Castellammare del Golfo può essere raggiunta facilmente sia dal porto di Trapani che da quello di Palermo. I collegamenti marittimi per Trapani prevedono arrivi e partenze da/per Cagliari, Tunisi, Isole Egadi, Pantelleria e Napoli. Il porto di Palermo è collegato giornalmente con Genova, Cagliari, Livorno e Napoli.

In treno

La stazione ferroviaria dista soltanto 8/10 km dal b&b e 15 km dal centro del paese. È ben servito: ogni 20 minuti un bus collega il transito con e verso il paese

In Autobus

Da Palermo direzione Castellammare del Golfo ci sono varie corse giornaliere con la ditta di autobus Autoservizi Russo, da Trapani con A.S.T. e dalle località limitrofe con Autoservizi Tarantola.

Tariffe (al giorno) Bassissima stagione (Ottobre – Novembre – Marzo) Bassa stagione (Aprile – Maggio – Giugno – Settembre) Media stagione (Luglio) Alta stagione (Agosto)
Matrimoniale

50,00 €

60,00 €

70,00 €

80,00 €

Matrimoniale uso singola

40,00 €

50,00 €

60,00 €

70,00 €

Tripla

65,00 €

75,00 €

85,00 €

95,00 €

Quadrupla

80,00 €

90,00 €

100,00 €

120,00 €

Orario di Arrivo

Flessibile

Orario di Partenza

Flessibile

Servizi

  • Aria condizionata
  • Asciugacapelli
  • Bagno privato
  • Minibar
  • Servizio navetta aeroporto
  • TV
  • WiFi

Spiacente, per il momento non ho disponibilità di recensioni per questo alloggio.

Trapani, la città dei due mari

Trapani, la città dei due mari

Abitanti circa 72.000, altezza sul livello del mare mt. 3, CAP 91100, pref. telefonico 0923, capoluogo di provincia a 100 Km da Palermo e a 368 km da Taormina.
Aereoporto di Birgi, tel. 841130
* Servizio traghetti per le Egadi
* Servizio di motonavi per Pantelleria, Cagliari, Tunisi
* Servizio di Aliscafi per le Egadi e Pantelleria
* Sita nella parte nord-occidentale dell’Isola, Trapani vive del commercio legato alle attività portuali.

Il nome, derivante dal greco Drepana, significa “falce” e sta ad indicare la forma del porto naturale.

Abitata dai Sicani e dagli Elimi, passò sotto il dominio dei Cartaginesi e, dopo la battaglia delle Egadi (241 a.C.), divenne romana.

Raggiunse il massimo splendore in epoca aragonese, quando fu ampliata e fortificata.
Il santuario dell’Annunziata è il più grande monumento della città, costruito tra il 1315 e il 1322 e ricostruito nel 1760. Accoglie vari stili, dal gotico al barocco. All’interno, insistono pitture a fresco del XVI secolo e una statua argentea di S. Alberto.
Adiacente alla Chiesa, il Museo Regionale Pepoli, dove si trovano reperti archeologici e opere di grande pregio artistico quali un S.Giacomo di A. Gagini (1522), un’acquasantiera del ‘400, un dipinto raffigurante S.Francesco che riceve le stimmate di Tiziano, una Pietà di R. Oderisi.
Nelle vicinanze: Marsala, importante porto e centro vitivinicolo per mano inglese prima e italiana poi (Florio, Riccadonna, Pellegrino, ecc.). Presente un Museo del Vino e Terme del III sec. a.C. con mosaici ben conservati.
E’ ricordata anche per lo sbarco dei Mille garibaldini, avvenuto l’ 11 maggio 1860.
Nel Baglio Anselmi si trova il Museo Nazionale Lilibeo con reperti archeologici, soprattutto di provenienza subacquea.

Nell’Isola di San Pantaleo sono state ritrovate le rovine dell’antica Mozia. Molti reperti sono custoditi con certosina cura nel Museo fondato da Giuseppe Whitaker, imprenditore e mecenate.

Sports & Natura

Sports & NaturaA Trapani la natura comincia con la Riserva Naturale dello Zingaro, una splendida area che si affaccia sul Golfo di Castellammare dopo la tonnara di Scodello. Qui gli edifici, un tempo abitati dai pescatori, guardano i faraglioni immersi nel grande mare blu, mentre si comincia a intravedere lo Zingaro con i suoi 7 km di costa e 1700 ettari di natura incontaminata, piena di baie, calette, insenature, dove nibbi e poiane vanno a riposare prima delle loro lunghe traversate, tra querce, palme e lentisco.
Anche il paesaggio subacqueo è uno spettacolo particolarissimo di colori e forme, caratterizzato dalla presenza del Lithophyllum tortuosum un'alga rossa dalla trama fitta e sfrangiata.

Vita notturna

Vita notturnaTrapani notturna offre una vista scelta di locali e tipologie di svago in un ambiente unico: circondati da palazzi storici, chiese ed opere d'arte, vi sentirete immersi in un set da film romantici dell'Ottocento, con i colori caldi della pietra locale, tufacea, e le decorazioni vibranti. All'nterno dei locali, ognuno dotato di sedute esterne sulla strade o sulle piazze custodite da una grande e lungimirante isola pedonale, troverete un vastissimo assortimento di dolci, preparati e cocktails, tutti fatti per soddisfare i palati più esigenti.

Cultura e storia

Cultura e storiaConosciuta con il nome di "Turrignì", la Torre fu eretta nel 1671 su ordine del viceré don Claudio La Moraldo, principe di Ligny, al quale venne dedicata.

La torre era munita di quattro garitte in muratura e fu provvista anche di fanali, funzionando come torre di segnalazione marittima, posta in relazione con altre torri di difesa già esistenti nel comprensorio trapanese, al fine di garantire la difesa della città di Trapani, da incursioni da parte dei pirati barbareschi e turchi, assai frequenti durante il Cinquecento ed il Seicento.

La forma è quadrangolare, la struttura in pietra e tufo. Il prospetto principale è rivolto verso la città e si caratterizza per la piccola porta d’ingresso, una finestra ad arco ribassato sormontata da tre stemmi ed una lapide, un balcone.

Nel 1979 è stata restaurata e dal 1983 è sede del Museo Trapanese di Preistoria.
Oggi all'interno della Torre di Ligny vi sono il Museo di Preistoria e il Museo del mare, al momento non fruibili.
Negli ultimi anni soltanto grazie all'opera di volontariato dei soci dell'Associazione La Preistoria è stata mantenuta l'apertura del museo e la sua fruizione anche alle scolaresche ed ai turisti ed è stata la sede di diverse mostre personali e collettive pittoriche e convegni, stabilendo anche dei contatti con altre strutture ed enti in campo nazionale.

Oltre al rilancio di questa istituzione importante per la città, potrebbe completarsi una riqualificazione di questa parte del centro storico attraverso interventi quali la realizzazione del belvedere e il ripristino del basolato lungo la strada di accesso, creando una passeggiata continua, che, da via delle Sirene e la chiesa di San Liberale, giunga a Scala d'Alaggio.

Per il momento è stata stabilita la chiusura al traffico durante la stagione estiva (dal 13 giugno al 30 settembre della via Torre di Ligny che porta all'omonima torre).

Nella foto, la Torre di Ligny, eretta nel 1671 su ordine del viceré don Claudio La Moraldo, principe di Ligny. All'interno oggi vi sono il Museo di Preistoria e il Museo del mare, al momento non fruibili al pubblico.


Leggi tutto