Le Professioni del Turismo

IL CONSULENTE DELLE RETI TURISTICHE

Il consulente delle reti turistiche è un operatore che agisce da libero professionista per le imprese o enti pubblici. Presta assistenza legale e culturale per la progettazione di possibili forme di aggregazione fra imprese, enti, operatori turistici. E’ una figura professionale complessa che deve definire anche la fattibilità economica del progetto. Il suo operato serve a promuovere il turismo di medio raggio.
Formazione: preparazione di tipo universitario, più un master specifico per manager aziendale o turistico.

Possibili impieghi presso enti pubblici regionali, catene alberghiere, istituti di credito, consorzi, tour operator.

 


IL MANAGER CULTURALE

E’ una delle professioni più praticate e anche la più richiesta. Il manager culturale o dell’evento è un libero professionista o dipendente di un’agenzia di organizzazione spettacoli.
Organizza l’evento o lo spettacolo individuando i giorni e la location più propizi, gli ospiti da invitare, il numero di spettatori paganti e non paganti, di visitatori della località dove si svolge l’evento, il congresso, la fiera.
Deve avere conoscenze nell’ambito della contabilità perché deve saper gestire un budget finanziario, nell’ambito del diritto e della programmazione turistico-aziendale. S’intende di pubbliche relazioni, di comunicazione, di marketing creativo. Sa parlare almeno due lingue straniere. Coordina gruppi di hostess, segretarie, addetti al servizio audiovisivi.

Formazione: scuole ad indirizzo tecnico-turistico, esperienza sul campo.


L’ACCOMPAGNATORE TURISTICO

Sono molti i giovani attratti da questa professione: si pensa di viaggiare molto e di conoscere molte persone godendosi pure la vacanza. In realtà non è proprio così. La professione di accompagnatore turistico è una vita di sacrifici: bisogna accompagnare persone singole o più spesso gruppi di turisti, curarne l’assistenza e intrattenere rapporti con agenzie di viaggi e guide turistiche. In pratica, l’accompagnatore fornisce tutte le informazioni per assicurare un viaggio confortevole ai clienti affidatigli: tutti gli eventuali reclami relativi al viaggio e al soggiorno saranno rivolti a lui. A lui tocca anche creare una buona armonia nel gruppo. Perciò deve essere dotato di pazienza e di grande resistenza fisica e psicologica.
Come dipendente incaricato di Tour Operator, Agenzie di Viaggio ed Enti di Promozione Turistica, dovrà conoscere la legislazione turistica, la contrattualistica del turismo e la geografia.

Con il decreto Bersani legge 40/2007 vengono meno l’obbligo di autorizzazione preventiva allo svolgimento dell’attività, il rispetto dei parametri numerici e i requisiti di residenza. Vengono confermati i requisiti di qualificazione professionale previsti dalla legge quadro sul turismo (legge 135/2001) e dalle normative regionali. Ai titolari di laurea o diploma universitario in materia turistica o titolo equipollente non può essere negato l’esercizio dell’attività di accompagnatore turistico, fatta salva la verifica delle conoscenze specifiche quando non siano state oggetto del corso di studi. I soggetti abilitati allo svolgimento dell’attività di Accompagnatore Turistico nell’ambito dell’ordinamento giuridico del Paese comunitario di appartenenza operano in regime di libera prestazione di servizi, senza necessità di alcuna autorizzazione o abilitazione. Qui di seguito riportiamo il Comma 4 dell’articolo 10 del Decreto Legge 31 gennaio 2007, n. 7, che recita:
“Le attività di guida turistica e accompagnatore turistico, come disciplinate dall’articolo 7 della legge 29 marzo 2001, n. 135, e successive modificazioni, non possono essere subordinate all’obbligo di autorizzazioni preventive, al rispetto di parametri numerici e a requisiti di residenza, fermo restando il possesso dei requisiti di qualificazione professionale secondo la normativa di cui alla citata legge n. 135 del 2001. Ai soggetti titolari di laurea in lettere con indirizzo in storia dell’arte o in archeologia o titolo equipollente, l’esercizio dell’attività di guida turistica o accompagnatore turistico non può essere negato, né subordinato allo svolgimento dell’esame abilitante di cui alla citata legge n. 135 del 2001 o di altre prove selettive, restando consentita la verifica delle conoscenze linguistiche soltanto quando le stesse non siano state oggetto del corso di studi”.

Pensi di sapere tutto sul marketing digitale?
Quante volte al giorno ti arrabbi per un cattivo posizionamento su Google o perché le camere del tuo Hotel non raggiungono la piena occupazione?
Con Polifemo puoi risolvere agevolmente questi problemi: da solo, attraverso il blog, o con una consulenza.

Lascia un commento

Note: I commenti sul sito web riflettono le opinioni dei loro autori, non necessariamente le opinioni del portale Polifemo©. Si richiede di astenersi da insulti, parolacce ed espressioni volgari. Ci riserviamo il diritto di eliminare qualsiasi commento senza spiegazioni di preavviso .

L’indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con l’asterisco*

*
*

sei − tre =