Caltagirone

Caltagirone

Things to do - general

Caltagirone (Cartaggiruni, Caltagiruni o Cattaggiruni in siciliano) è un comune italiano di 38.799 abitanti della provincia di Catania in Sicilia, a circa 608 metri d’altezza dal livello del mare.

La città ha conservato, a differenza di molti centri della Sicilia orientale, parte dell’impianto medievale sopravvissuto al terremoto del 1693. Tradizionale è l’attività artigianale della ceramica che, già molto diffusa nel XVI sec., è visibile ovunque nelle strade dove balaustre, vasi, inserti e decorazioni esprimono un linguaggio variamente policromo; ancora oggi quest’arte è in piena attività, avvalendosi dei nuovi impulsi dell’offerta turistica ed essendo collegata a molte attività culturali come la Scuola e il Museo della Ceramica. Numerose le testimonianze archeologiche che indicano la presenza dei Romani, degli Arabi e dei Normanni.

Da visitare, oltre le numerose chiese in parte rifatte, è il Museo della Ceramica che raccoglie le testimonianze storiche della produzione ceramica in Sicilia, importante scuola in Italia insieme a quella di Faenza. Il Giardino pubblico riprende la fisionomia dei giardini inglesi e fu completato in stile liberty nei primi anni del XX sec.

Caratteristica della città è la Scala di Santa Maria al Monte, che consta di 142 gradini e supera un dislivello di circa 50 m, unendo la parte alta della città con il piano di San Giuliano. Nel 1953 la scalinata venne rifatta in pietra lavica e arricchita con maioliche decorate; per la festa di San Giacomo (24-25 luglio), viene illuminata con 4.000 coppi che formano un arazzo molto suggestivo.

Santa Maria al Monte, la ex chiesa matrice, ha presunte origini normanne; riedificata subito dopo il terremoto, conserva la Madonna di Conadomini, tavola di scuola lucchese del XIII sec.

Il Duomo, di origine normanna e dedicato a San Giuliano, venne ampliato per volere del Senato che ne volle anche cambiare l’orientamento, fino ad allora a ponente. Le due chiese di San Salvatore e San Domenico si fronteggiano e furono entrambe costruite nei primissimi anni del XIX sec.: la seconda custodisce la tomba di don Luigi Sturzo, sindaco della città e fondatore del Partito popolare italiano.

La tradizione attribuisce la fondazione della Chiesa di San Giorgio ai genovesi, presenti in città nel 1030; dell’antico tempio restano tracce nel portale ogivale e nelle strette feritoie strombate.

La piccola Chiesa di Santa Chiara, monastero delle clarisse, fu invece realizzata a metà del XVIII sec.; accanto si trova l’edificio dell’ex Officine elettriche, realizzato da E. Basile nel 1908, in stile liberty.

Infine, la Basilica di San Giacomo è dedicata al patrono della città e fu edificata per volere del conte Ruggero; distrutta dal terremoto fu riedificata successivamente.

Caltagirone presenta un volto ricco di storia, con le sue chiese, i suoi palazzi nobiliari e le sue ville settecentesche, anche per questo il suo centro storico è stato insignito del titolo di Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO nel 2002, insieme con il Val di Noto.

Nome del paese Catania
Immagine Sport & NaturaPosti incredibilmente belli, tra natura, arte e storia, sono percorribili partendo da Caltagirone: il Bosco di San Pietro, il Lago di Pergusa, il Parco minerario Floristella Grottacalda, il Bosco Rossomanno, il Bosco Roccascura, Bellia, il Parco Ronza.
Collegati subito al tour e parti!
Vita notturna immaginiRistoranti, bar, chioschi, agriturismi, centri benessere, discoteche sono al centro della vita notturna calatina. Seguitemi nei tour e scoprirete molto di più!
Cultura e storia immagineUna storia, quella di Caltagirone, che è anche orgogliosa memoria del suo potere di libera e ricca città demaniale, ancora impresso nelle stratificate architetture civili - la gaginesca Corte Capitaniale o l'ex Palazzo Senatorio, ad esempio - e nella variegata molteplicità di chiese e di conventi; talvolta un'ardita spettacolarità barocca li caratterizza, come l'imponente e alto fronteggiarsi, in un piccolissimo slargo, della chiesa dei Domenicani e di quella delle Benedettine.
Ma sono soprattutto le alzate decorate da piastrelle policrome dei 142 gradini della Scala SS. Maria del Monte a raccontare la millenaria storia della città e dei suoi vasai dagli Arabi ad oggi: metaforica ascesa, scalino dopo scalino, di un viaggio che dal profondo della memoria storica risale alla coscienza della contemporaneità.
Gualtiero Suite

Gualtiero Suite

Piazza San Francesco d'Assisi, n° 20 Caltagirone (CT) - Italy, Caltagirone
Nel cuore del centro storico di Caltagirone, dove la storia si è espressa per millenni attraverso l’ + altre info

Per il momento non ci sono offerte di ristorazione per questa località.

Caltagirone, visita al parco minerario Floristella Grottacalda

Caltagirone, visita al parco minerario Floristella Grottacalda

Caltagirone
L’insolita posizione geografica di Caltagirone permette al turista di percorrere uno straordin + altre info
Gastronomia immagineLe ricette siciliane vedono delle varianti locali dovute all’utilizzo di spezie, impasti, aggiunte di diversa natura. Cosicché è facile trovare in tutta l’Isola, ricette a base di agnello durante il periodo pasquale, specie cotto al forno insieme alle patate. La versione della Sicilia sud-orientale, per esempio, vede lo stufato di agnello o capretto opportunamente rosolato con erba cipollina, estratto di pomodoro e vino rosso, all’interno di una sfoglia di pasta di pane lievitata e cotta in forno. Una ricetta semplice ma gustosissima, che prende il nome di “impanata pasquale”, molto usata anche a Caltagirone.
Tradizioni immagineNon c'è Natale, a Caltagirone, senza i presepi realizzati con i tradizionali pastori di terracotta policromi e senza i cuddureddi, rituali dolci natalizi a base di miele, mandorle, farina e aromatica cannella.
E non c'è nemmeno Pasqua, la domenica pomeriggio, senza la Giunta: singolare e sacra rappresentazione la cui mancata realizzazione provocherebbe, secondo un'antica tradizione, sette anni di malannata.
Ma fantasia e ritualità si fondono soprattutto negli addobbi della lunghissima scala: a maggio tutta infiorata, sul finire di luglio, in occasione della festa del Patrono San Giacomo, illuminata - seguendo le linee di un preciso disegno - con migliaia di lumiere a olio poste all'interno di coppi di carta colorata.
Visionariamente sospesa nel buio della notte, assume forma ora di stemma, ora di torre, ora di simulacro o d'immagine fantastica in una vacillante magia di luce, colore, segno.