Rodì Milici

Rodì Milici

Things to do - general

Posta su un’altura dominante il Golfo di Patti, Rodì Milici gode di una posizione geografica invidiabile: un clima caldo-umido, un’esposizione soleggiata, una collina dagli ottimi valori pedoclimatici, un terreno naturalmente irrigato da acque minerali che alimentano le terme locali. Una vera e propria oasi di benessere che si affaccia sul promontorio e il Santuario del Tindari.

Storia dai Greci ai Romani: Collina amena abitata in origine dai Sicani, scelta come sicuro rifugio dalle incursioni dei Siculi, l’antica Rodì fu parte della città greca di Longane (V sec. a.C.), di cui restano poche ma interessanti testimonianze che andrebbero valorizzate e approfondite.
I Romani vi coltivarono grano, orzo e viti e le diedero il nome di “Solaria” (dal latino solum, suolo), probabilmente legato all’imposta fondaria che gravava sul territorio compreso tra l’attuale Rodì e Milazzo, nonché alla sua posizione soleggiata .
Al destino di questa cittadina era legata, ancora più anticamente, la vicina Milici, che deve il suo nome all’idronimo accadico “melu” o “milu” (“fiume che occasionalmente esonda”) , ricollegabile all’attraversamento del territorio da parte del fiume Patrì, luogo d’insediamento prescelto dai coloni greci prima, dai Mamertini poi, anche se qualche studioso vuole avvicinarlo al termine greco meilichios, ovvero “dolce come il miele”, uno dei tanti appellativi della divinità greca Zeus e un altro segno della fertilità del suolo di questa vasta zona, sin dall’antichità nota per la sua produzione di uva, base del vino mamertino.

Ottima produzione di vini, fra i quali il Mamertino DOC, e di olio d’oliva DOP.

Nome del paese Messina

Per il momento non ci sono sistemazioni che corrispondono a questa località.

Per il momento non ci sono offerte di ristorazione per questa località.

Per il momento non ci sono offerte di viaggio per questa località.