Favignana

Favignana

Things to do - general

Nell’Odissea il poeta Omero descrive l’arrivo di Ulisse a Favignana come un’isola “ricca di selve e di capre selvatiche, nè molto vicina, nè molto lontana dalla terra dei Ciclopi”. E così dovettero vederla anche i Cartaginesi che arrivarono ad occuparla per la sua posizione favorevole alle correnti e all’abbondanza di una roccia molto tenera, utilissima per le costruzioni. Per lo stesso motivo i Romani la strapparono via ai Cartaginesi, dopo aspre battaglie che tinteggiarono il mare di rosso per alcuni giorni (da qui, probabilmente, il nome di Calarossa). Ma nell’Ottocento, Favignana divenne famosa per la tonnara dei Florio e per il nuovo sistema di conservazione del tonno (sott’olio e non più sotto sale). Dismessa da quasi quaranta anni, la tonnara, così come ogni altro angolo dell’isola, è oggi una splendida attrattiva turistica.

L’altra Sicilia. Quella che non hai mai visto.
O quella che hai visto, ma non sapevi che esistesse.
Polifemo è la tua guida interattiva: ti offre spunti per le visite ai luoghi più interessanti e intriganti del territorio siculo. Segue un percorso che mira alla conoscenza dei valori della sicilianità, che TU stesso puoi arricchire con le tue richieste o integrazioni.

Dario De Pasquale

Per il momento non ci sono sistemazioni che corrispondono a questa località.

Per il momento non ci sono offerte di ristorazione per questa località.

Per il momento non ci sono offerte di viaggio per questa località.