In Generale

Comune della prov. di Agrigento (123,6 km2 con 4195 ab. nel 2007). Si sviluppò intorno al castello arabo Qal ‛at al-ballūt («Castello delle querce»), eretto dopo l’invasione dell’isola in prossimità dell’antica Tricalache, di cui restano tracce.

Occu­pata forse dal conte Ruggero nel 1090, il castello fu riedificato dai re normanni. Nel 1336 il territorio di C., che costituiva una contea, fu dato a Raimondo Peralta, parente di Pietro II d’Aragona, e quindi (1453) in dominio feudale alle famiglie De Luna, Moncada, Álvarez de Toledo.

Pace di Caltabellotta – Firmata nel 1302, al termine della guerra del Vespro tra Angioini e Aragonesi, da Roberto, figlio di Carlo II d’Angiò, e Federico II d’Aragona, stabilì l’assegnazione della Sicilia a Federico con la clausola che alla sua morte il regno sarebbe tornato agli Angioini. L’inosservanza dell’accordo instaurò il regime di separazione tra l’isola e l’Italia meridionale, che ebbe fine nel 1442 con la conquista aragonese.

 

L’altra Sicilia. Quella che non hai mai visto.
O quella che hai visto, ma non sapevi che esistesse.
Polifemo è la tua guida interattiva: ti offre spunti per le visite ai luoghi più interessanti e intriganti del territorio siculo. Segue un percorso che mira alla conoscenza dei valori della sicilianità, che TU stesso puoi arricchire con le tue richieste o integrazioni.

Dario De Pasquale

Partenze disponibili

Al momento non ci sono posti disponibili per questo tour.

Spiacente, per il momento non ho disponibilità di recensioni per questo alloggio.