In Generale

Attratti dal nome dal forte potere evocatorio, ci si addentra all’interno di una costruzione la cui pianta spinge a percorrere un cammino obbligato.

ditopiccoloE’ il Giardino Segreto che Francesco Venezia progettò nella seconda metà degli anni ’80 per Gibellina Nuova.
Ci si scopre dentro un piccolo edificio a cielo aperto, un giardino con muri e finestre, suddiviso in due ambienti e che appare come una casa senza il tetto. Il muro esterno, curvo, corre lungo il movimento del marciapiede e chiude i muri interni, i quali, a loro volta, sono disposti a spirale quadrata. Il percorso della spirale termina con una piccola vasca che presenta al centro un cilindro di travertino d’Alcamo, lo stesso materiale di cui si compongono i due sedili del giardino, e che contiene un velo d’acqua che copre appena l’acciottolato in un gioco di sommerso ed emerso. Due spazi inaccessibili sono, invece, adibiti alla messa a dimora di piante, proprio dove poi si aprono le finestre.

ditopiccoloUn luogo pervaso da grande poesia e, come spesso accade a Gibellina, dalla continua testimonianza della furia distruttrice della natura, come a ricordare in ogni istante agli uomini quanto la loro esistenza sia fragile.

 

 

ditopiccoloCinque archi provenienti dalle macerie di Gibellina vecchia dopo il terremoto sono, infatti, perfettamente incastonati dentro i muri di arenaria gialla di Caltanissetta, di nuova formazione. Un senso di morte e distruzione bilanciato e vinto dalla forza vitale dell’acqua, in fondo al percorso.
Una poesia, oggi, purtroppo, tristemente mortificata dalle scritte sui muri e sui sedili, segno dell’inciviltà dell’uomo e dell’incuria attribuibile alle istituzioni. Un abbandono che, purtroppo, è riscontrabile in tutto il piccolo paese belicino.

Partenze disponibili

Al momento non ci sono posti disponibili per questo tour.

Spiacente, per il momento non ho disponibilità di recensioni per questo alloggio.