In Generale


I maggiori Vini Siciliani

Qualche notiziuola sui principali vini siciliani, perchè possiate fare una buona scelta…
Il MARSALA ha ottenuto il riconoscimento D.O.C. con il DPR 02/04/1969, sostituito dal DPR 17/11/1986 e modificato dal DM 21/12/1991 e dal DM 21/02/1995. E’ il vino siciliano più famoso al mondo. Dalla seconda metà del XVIII secolo fu commercializzato solo da grandi imprenditori stranieri. Fu agli inizi del ‘900 che Florio riuscì a strapparne il monopolio agli inglesi. Il Marsala è un vino difficile da riconoscere per via della sua varietà, legata alla durata dell’invecchiamento, dalla preparazione, dalla zona di produzione, dall’aromatizzazione. Le zone di produzione sono: tutta la provincia di Trapani con l’esclusione dei comuni di Alcamo, Pantelleria e Favignana.

MARSALA D.O.C. “FINE” I.P. 17°

Vitigni: Oro a Ambra: Grillo e/o Catarratti e/o Damaschino e/o Inzolia. Rubino: Pignatello e/o Calabrese e/o Nerello Mascalese.
Colore:Ambra: deve essere aggiunto l’1% di mosto cotto; Oro e Rubino: vietata l’aggiunta di mosto cotto.
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 17
Invecchiamento Minimo: 1 anno di cui almeno 8 mesi in fusti di legno

MARSALA D.O.C. “SUPERIORE” Secco – 18°

Vitigni: Oro a Ambra: Grillo e/o Catarratti e/o Damaschino e/o Inzolia. Rubino: Pignatello e/o Calabrese e/o Nerello Mascalese.
Colore: Ambra: deve essere aggiunto l’1% di mosto cotto; Oro e Rubino: vietata l’aggiunta di mosto cotto.
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 18
Invecchiamento Minimo: 2 anni in fusti di legno

MARSALA SUPERIORE ORO 18°

Vitigni: Oro a Ambra: Grillo e/o Catarratti e/o Damaschino e/o Inzolia. Rubino: Pignatello e/o Calabrese e/o Nerello Mascalese.
Colore: Ambra: deve essere aggiunto l’1% di mosto cotto; Oro e Rubino: vietata l’aggiunta di mosto cotto.
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 17
Invecchiamento Minimo: 4 anni in fusti di legno

MARSALA D.O.C. VERGINE e/o SOLERAS 19°

Vitigni: Oro a Ambra: Grillo e/o Catarratti e/o Damaschino e/o Inzolia. Rubino: Pignatello e/o Calabrese e/o Nerello Mascalese.
Colore:Ambra: deve essere aggiunto l’1% di mosto cotto; Oro e Rubino: vietata l’aggiunta di mosto cotto.
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 18
Invecchiamento Minimo: 5 anni in fusti di legno

MARSALA VERGINE/SOLERAS STRAVECCHIO o MARSALA VERGINE/SOLERAS RISERVA VINTAGE 1962 – 19°

Vitigni: Oro a Ambra: Grillo e/o Catarratti e/o Damaschino e/o Inzolia. Rubino: Pignatello e/o Calabrese e/o Nerello Mascalese.
Colore: Ambra: deve essere aggiunto l’1% di mosto cotto; Oro e Rubino: vietata l’aggiunta di mosto cotto.
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 18
Invecchiamento Minimo: 10 anni in fusti di legno
 Il MOSCATO di PANTELLERIA ha ottenuto il riconoscimento D.O.C. con il DPR 11/08/1971, modificato dal DM 11/08/1992. E’ il classico vino Zibibbo, introdotto dagli Arabi, ottenuto da alberelli cresciuti in conche scavate per protezione dal forte vento di scirocco.

MOSCATO DI PANTELLERIA NATURALE 15°

Vitigni: Zibibbo.
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: dal giallo dorato più o meno intenso all’ambrato;
Odore: caratteristico e fragrante di moscato;
Sapore: dolce, aromatico, caratteristico di moscato;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 12,5

MOSCATO DI PANTELLERIA NATURALE 15°

Vitigni: Zibibbo.
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: dal giallo dorato più o meno intenso all’ambrato;
Odore: caratteristico e fragrante di moscato;
Sapore: dolce, aromatico, caratteristico di moscato;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 12,5

MOSCATO PASSITO DI PANTELLERIA 15°

Vitigni: Zibibbo.
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: ambrato;
Odore: delicato di moscato;
Sapore: dolce, gradevole;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 14

MOSCATO PASSITO DI PANTELLERIA 15°

Vitigni: Zibibbo.
 Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: ambrato;
Odore: delicato di moscato;
Sapore: dolce, gradevole;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 14
 I VINI dell’ETNA sono stati i primi ad ottenere il riconoscimento D.O.C. con il DPR 11/08/1968. La viticoltura di queste zone della provincia di Catania (Biancavilla, S. Maria di Licodia, Paternò, Belpasso, Nicolosi, Pedara, Trecastagni, Viagrande, Aci S.Antonio, Acireale, S. Venerina, Giarre, Mascali, Zafferana, Milo, S.Alfio, Linguaglossa, Castiglione, Randazzo) ha origini antichissime come testimoniano alcune monete del V secolo a.C. giunte fino a noi.

ETNA BIANCO

Vitigni: Carricante minimo 60%; Catarratto bianco comune o lucido fino al 40%. Possono concorrere Trebbiano, Minnella bianca ed altri vitigni non aromatici a bacca bianca fino a un max del 15%.
 Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: giallo paglierino, talvolta con leggeri riflessi dorati;
Odore: profumo delicato di Carricante;
Sapore: secco, fresco, armonico;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 11,5

ETNA BIANCO SUPERIORE

Vitigni: Carricante minimo 80%; Catarratto bianco comune o lucido fino al 20%. Possono concorrere Trebbiano, Minnella bianca ed altri vitigni non aromatici a bacca bianca.
 Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: giallo paglierino molto scarico con riflessi verdognoli;
Odore: profumo delicato di frutto;
Sapore: secco, lievemente fresco, armonico, morbido;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 12

ETNA ROSSO o ROSATO

Vitigni: Nerello mascalese non meno dell’80%. Nerello Mantellato fino al 20%. Possono concorrere altri vitigni non aromatici a frutto bianca fino a un max del 15%.
 Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: rosso rubino, con riflessi granato o rosato tendente al rubino con l’invecchiamento;
Odore: vinoso con profumo intenso caratteristico;
Sapore: secco, caldo robusto, pieno, armonico;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 12,5
 L’ ALCAMO o BIANCO ALCAMO ha ottenuto il riconoscimento D.O.C. con il DPR 21/07/1972, modificato dal DM 11/08/1992. Le zone principali di produzione sono Alcamo e Calatafimi, in provincia di Trapani

ALCAMO o BIANCO ALCAMO

Vitigni: Catarratto Bianco Comune o Catarratto Bianco Lucido. E’ ammessa la presenza di Damaschino, Grecanico e Trebbiano Toscano fino a un max del 20%.
 Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: dal giallo paglierino chiaro con riflessi verdognoli;
Odore: neutro con leggera fragranza dell’uva di origine;
Sapore: secco, sapido, fresco, di fruttato;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 11,5
 Il CERASUOLO DI VITTORIA ha ottenuto il riconoscimento D.O.C. con il DPR 29/05/1973. Le zone di produzione si trovano in provincia di Ragusa: Vittoria, Comiso, Acate, Chiaramonte Gulfi, S. Croce di Camerina; di Caltanissetta: Niscemi, Gela, Riesi, Butera e Mazzarino; e di Catania: Caltagirone, Licodia Eubea e Mazzarone.

CERASUOLO DI VITTORIA

Vitigni: Frappato non meno del 40%. Calabrese 60% massimo. Eventuali aggiunte fino a max 10% di Grosso Nero e Nerello Mascalese
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: rosso ciliegia;
Odore: vinoso alcolico con delicato profumo;
Sapore: caldo, asciutto, pieno, rotondo, armonico;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 13
 Il FARO ha ottenuto il riconoscimento D.O.C. con il DPR 03/12/1976. La zona di produzione è Messina.

FARO

Vitigni: Nerello Mascalese dal 45 al 60%. Nocera dal 5 al 10%. Nerello Cappuccio dal 15 al 30%
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: rosso rubino tendente al rosso mattone con l’invecchiamento;
Odore: delicato, etereo, persistente;
Sapore: secco, armonico, di medio corpo caratteristico;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 12
Invecchiamento Minimo: 1 anno a decorrere dal 1° Novembre dall’anno di vendemmia
 Il SAMBUCA DI SICILIA ha ottenuto il riconoscimento D.O.C. con il DM 14/09/1995. La zona di produzione è il comune di Sambuca, in provincia di Agrigento.

SAMBUCA DI SICILIA BIANCO

Vitigni: Ansonica dal 50 al 75%, Catarratto Bianco Lucido e Chardonnay per il restante 25 e 50%.
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: bianco paglierino più o meno intenso, talvolta con riflessi verdognoli;
Odore: delicato, fine, intenso, caratteristico;
Sapore: asciutto, delicato, fresco;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 10,5

SAMBUCA DI SICILIA CHARDONNAY

Vitigni: Chardonnay minimo 85%.
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: bianco paglierino più o meno intenso, talvolta con riflessi verdognoli;
Odore: delicato, fine, intenso, caratteristico;
Sapore: asciutto, delicato, fresco;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 10,5

SAMBUCA ROSSO e ROSATO

Vitigni: Nero d’Avola dal 50 al 75%. Nerello Mascalese, Sangiovese e Cabernet Sauvignon per il restante 25 e 50%
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: rosso rubino con tendenza al granato;
Odore: vinoso, intenso, caratteristico;
Sapore: asciutto, corposo, vellutato;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 11,5

SAMBUCA di SICILIA CABERNET SAUVIGNON

Vitigni: Cabernet Sauvignon minimo 85%.
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: rosso rubino con tendenza al granato;
Odore: vinoso, intenso, caratteristico;
Sapore: asciutto, corposo, vellutato;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 11,5

SAMBUCA DI SICILIA RISERVA

Vitigni: Cabernet Sauvignon minimo 85%.
Caratteristiche chimico-organolettiche:
Colore: rosso rubino con tendenza al granato;
Odore: vinoso, intenso, caratteristico;
Sapore: asciutto, corposo, vellutato;
Gradazione alcolica complessiva minima: gradi 11,5

Invecchiamento: minimo 24 mesi di cui almento 6 in recipienti di legno a decorrere dal 1° Novembre successivo alla vendemmia


Vuoi saperne di più?

Partenze disponibili

Al momento non ci sono posti disponibili per questo tour.

Spiacente, per il momento non ho disponibilità di recensioni per questo alloggio.